lunedì 17 gennaio 2011

I Rascard

Qualche foto rubata qua e la passeggiando vicino casa, i Rascard sono delle costruzioni tipiche di alcune zone della Valle d'Aosta. 
I "funghetti" che sorreggono le case sono affascinanti, bellissimi e forti!







I "Rascard", tipiche costruzioni in legno di tradizione franco-provenzalestrettamente legati alla cerealicoltura, sono ancora oggi visibili attraversando icaratteristici villaggi della Comunità Montana. Alcuni sono ancora in ottimo stato di conservazione; altri, invece, sono stati restaurati rispettando l'architettura originaria.
Inizialmente queste costruzioni non erano molto grandi, ma con il passare del tempo vennero sempre più ingrandite e perfezionate.
I primi rascard vennero edificati solamente con due piani: il piano terra, costruito in pietra, ed il primo piano realizzato in legno di larice.
Al piano terreno, in un unico ambiente c'erano la stalla, l'abitazione e nella parte posteriore una piccola cantina interrata.
Il primo piano era utilizzato, invece, come deposito per i cereali.
Non era costruito direttamente sulla parte inferiore di pietra, ma si appoggiava su di essa, mediante dei sostegni di legno e pietra; l'insieme di questi due elementi crea una forma che ricorda quella di un "fungo". Utilizzando questa tecnica veniva a crearsi una sezione vuota che consentiva una buona circolazione dell'aria, disperdendo l'umidità della stalla, inoltre non permetteva ai roditori di infiltrarsi nell'abitazione, sicuramente dannosi per i cereali immagazzinati.
Nel sottotetto venivano appese delle particolari rastrelliere in legno, sulle quali venivano conservati pane, salumi e carne secca.
Il tetto, infine, era ricoperto da lastre di pietra, sostenute da robuste travi in legno.
(Fonte: http://www.montecervino.org)
(Foto: Manuela Albanese)

10 commenti:

  1. bhè questa casetta + meravigliosa
    Buona serata
    Mary

    RispondiElimina
  2. Bellissima, davvero! Sul blog sto facendo un po' di pubblicità ad Hobbincasella, un mercatino di creative che si terrà a fine maggio a CAsella, se ti va di partecipare puoi fare rimerimento a me!
    A presto, Vale

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo affatto questi "rescard" e sono affascinanti Manu! Sembrerebbero così precari invece...resistono alla neve e al tempo.
    Belli!
    Ciao SusannaCerere

    RispondiElimina
  4. Che materiali stupendi, la pietra ed il legno vissuto....sono statai in Val D'Aosta anni fa, una bellissima regione!
    Un caro saluto, *Maristella*.

    RispondiElimina
  5. Continui a pubblicre dell foto magnifiche!!! Mi fai venire voglia di andare a vedere questi posti!!!
    Baci ai bimbi!
    Mery

    RispondiElimina
  6. Queste costruzioni sono veramente uniche.
    Complimenti per il tuo blog, è bellissimo!

    RispondiElimina
  7. Sembra incredibile che quella struttua particolare a fungo tenga in piedi queste bellissime costruzioni da secoli!
    Buon anno!

    Fulvia

    RispondiElimina
  8. Grazie per queste bellissime immagini e le spiegazioni!
    Buon pomeriggio,
    Nicole

    RispondiElimina
  9. ESTO PARECE LOS HOREOS ASTURIANOS...DONDE SE GUARDA LA COSECHA DEL AÑO..
    ME LO RECUERDA MUCHO..TENGO ALGUNO EN MI BLOG.
    UN SALUDO.

    RispondiElimina
  10. Le foto parlano da sole .... non conoscevo questo tipo di costruzioni ... grazie er avercele mostrate. Marilena

    RispondiElimina

Ogni vostro commento mi rende felice!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails